Golfo di Noto blog - Golfo di Noto

Vai ai contenuti

"A gebbia" di Salvatore LOMBARDO

Golfo di Noto
Pubblicato da Salvatore LOMBARDO in Cultura delle piante nel territorio · 11 Settembre 2020
Nelle giornate estive, i ricchi agrumeti del Val di Noto, richiedono l’irrigazione per le basilari funzioni fisiologiche della pianta. Percorrendo i “giardini” come vengono chiamati in Sicilia gli agrumeti, si possono notare le Gebbie. Esse sono degli invasi rettangolari o circolari per la raccolta dell’acqua d’irrigazione che verrà utilizzata secondo le suddette esigenze. Gebbia, come tante altre parole del lessico agricolo siciliano, è di origine araba.  Nel 535 l’imperatore Giustiniano fece diventare la Sicilia una provincia dell’impero bizantino. Mentre il potere di Bisanzio calava, l’isola venne conquistata  dai Saraceni dell’Africa del Nord, dalla metà del sec IX alla metà del X.  Durante il periodo di governo degli emiri arabi , la Sicilia potè godere di prosperità economica e culturale. L’influenza araba si trova in circa 300 parole siciliane importanti, la maggior parte delle quali si riferiscono al mondo dell’agricoltura. Ciò è comprensibile perché i saraceni introdussero in Sicilia un sistema d’irrigazione moderno e nuove piante agricole che rimangono tutt’oggi endemiche nell’isola. Alla venuta degli Arabi, le condizioni linguistiche della Sicilia erano ormai definite e la conquista araba fu lenta . Accanto alle espressioni linguistiche esistenti, latina e greca, iniziò ad imporsi anche quella araba. Fra i vocaboli arabi penetrati e conservati nei dialetti siciliani, un gran numero si riferisce all’irrigazione.
 
Gebbia cisterna da jabh
 
Favara d’acqua sorgente impetuosa da fawwara
 
Zappa d’acqua unità di misura da sabba
 
Naca acqua stagnante da naq
 
Saia canale da saqija
 
Margiu palude da  marg





Salvatore LOMBARDO


Salvatore Lombardo, classe 1969, è dottore in Scienze Agrarie dipartimento di Economia Agraria e docente di Sociologia rurale, Economia e di Valorizzazione del Territorio presso l’Istituto Professionale per l’Agricoltura.
Piccolissimo eredita dal padre la grande passione per la terra ...




Torna ai contenuti