Golfo di Noto blog - Golfo di Noto

Vai ai contenuti

IL GELSO BIANCO di Salvatore LOMBARDO

Golfo di Noto
Pubblicato da Salvatore LOMBARDO in Cultura delle piante nel territorio · 2 Giugno 2020
Tags: gelso
Per i Greci il gelso era la pianta consacrata al dio Pan, ricca di simbologia, intelligenza e passione ed è proprio ai suoi piedi che si consumò il mito, come racconta Ovidio nelle sue “Metamorfosi”.


foto di Salvatote Lombardo

Secondo la leggenda nella versione ovidiana, l'amore di due giovani era contrastato dai parenti, e i due, che erano vicini di casa, erano costretti a parlarsi attraverso una crepa nel muro che separava le loro abitazioni. Questa difficile situazione li indusse a programmare la loro fuga d'amore. Nel luogo dell'appuntamento, che era vicino ad un gelso, Tisbe, arrivata per prima, incontra una leonessa dalla quale si mette in salvo perdendo un velo che viene stracciato e macchiato di sangue dalla belva stessa. Piramo trova il velo macchiato dell'amata e, credendola morta, si suicida lanciandosi su una spada. Sopraggiunge Tisbe che lo trova in fin di vita e, mentre tenta di rianimarlo, gli sussurra il proprio nome. Piramo riapre gli occhi e riesce a guardarla prima di morire. Per il grande dolore, anche Tisbe si lancia sulla spada dell'amato sotto il gelso. Tanta è la pietà degli dei nell'ascoltare le preghiere di Tisbe che trasformano i frutti del gelso, intriso del sangue dei due amanti, in color vermiglio.


foto di Salvatote Lombardo

Il Gelso, Morus L. pianta della famiglia delle Moracee, pare che abbia origini asiatiche. Le principali specie sono il gelso bianco (Morus alba), il gelso nero (Morus nigra)e il gelso rosso (Morus rubra). Ciò che chiamiamo frutto è in verità una infruttescenza chiamata sorosio.Il gelso è conosciuto per i suoi prelibati frutti e per la vita assieme al bachi da seta.Queste succulenti delizie sono apprezzate in cucina( famose le granite ai gelsi)e nelle diete alimentari . Sono frutti poco calorici ( circa 40 kcal per 100 gr, molto ricchi di sali minerali quali ferro, potassio, vitamine quali la vitamina C, e le vitamine del gruppo K e B.  Hanno, inoltre, ottime proprietà depurative e diuretiche. Insomma, un vero toccasana nelle primavere siciliane.


foto di Lorella Cancemi



Salvatore LOMBARDO


Salvatore Lombardo, classe 1969, è dottore in Scienze Agrarie dipartimento di Economia Agraria e docente di Sociologia rurale, Economia e di Valorizzazione del Territorio presso l’Istituto Professionale per l’Agricoltura.
Piccolissimo eredita dal padre la grande passione per la terra ...




Torna ai contenuti